Idee di marketing Dietorelle

Idee di marketing, prosegue la fase di testing di Dietorelle

Nessun commento in content Editing da Redazione Onangel

Tra i casi studio sicuramente più “golosi” (è proprio il caso di dirlo) si può ben annoverare quello di Dietorelle, uno dei brand più noti nel mondo delle ghiottonerie tascabili, che ha ben pensato di coinvolgere 1.000 fortunate tester nella campagna di marketing collaborativo predisposta da trnd Italia, con un obiettivo semplice e gustoso: provare le nuove caramelle Dietorelle, farle provare ad amici, parenti e colleghi, e far compilare dei questionari per la ricerca di mercato, elevando le tester a fondamentali collaboratrici dell’azienda.Protagonista della novità che ha legittimato il lancio della nuova campagna di marketing è la caramella alla stevia rebaudiana, una pianta perenne del sud America, apprezzata da tanti anni per le sue proprietà dolcificanti. Sarà proprio la stevia a dolcificare le nuove Dietorelle, permettendo così di rendere più goloso e più naturale il loro inconfondibile gusto.

LEGGI ANCHE: Marketing digitale fatto male: le 5 idee sbagliate

Siamo molto soddisfatti che un’azienda come Cloetta (di cui Dietorelle oggi fa parte, N. d. R.) rinnovi ancora una volta la propria fiducia in noi, permettendoci di organizzare questa campagna golosissima che siamo sicuri verrà molto apprezzata dalle nostre trnder e dai loro amici” – ha dichiarato in tal proposito Dennis Stundl, managing director di trnd – “È la dimostrazione che stiamo andando nella giusta direzione e continueremo a lavorare perché tutti i nostri clienti possano innamorarsi del passaparola, come già i nostri trnder hanno fatto nel corso di questi anni“.

Molto soddisfatta anche Carlotta Merusi, product manager Kids & Sugar Free Candies Cloetta Italia, che ricorda come “Dietorelle nasce alla fine degli anni ‘70 (precisamente nel 1977 a Bologna, N. d. R.), inventando il mondo delle caramelle senza zucchero. Da allora, è sempre stata al passo con i tempi, innovando e proponendo nuovi gusti ogni anno. E per farlo ha bisogno anche del parere e dell’aiuto dei consumatori. Ci è quindi sembrata la scelta migliore quella di affidarci al marketing collaborativo di trnd per poter instaurare un dialogo sempre più diretto con i nostri consumatori. Aspettiamo con impazienza i risultati di questa campagna“.

E voi che ne pensate?