visibilità su google

Visibilità su Internet: Google premia i siti veloci su mobile

Nessun commento in web marketing da Redazione Onangel

Google è da sempre molto impegnato sul fronte dell’ottimizzazione dei risultati di ricerca. Attualmente ha deciso di dare molta rilevanza soprattutto agli utenti che utilizzano i dispositivi mobili. Tra le ultime trovate, infatti, Big G ha deciso di penalizzare tutti quei siti poco mobile friendly, che impiegano troppo tempo a caricarsi durante la navigazione da mobile. Una novità per chi è interessato a migliorare la propria visibilità su Google, con lo scopo di rendere più veloce e divertente l’esperienza degli utenti su internet.

LEGGI ANCHE: Marketing online, il mobile è sempre più decisivo

Visibilità su Google: nasce “Speed-Update”

Come certo saprete, sono sempre di più gli utenti che preferiscono la navigazione mobile rispetto a quella desktop, in quanto considerata più comoda e alla portata di mano. Per questa ragione, Google ha deciso di migliorare l’esperienza di ogni utente introducendo lo Speed- Update, letteralmente “aggiornamento di velocità”. Google, si impegna a valutare la velocità di caricamento di ogni pagina di un sito, misurandone la performance e penalizzando nel proprio ranking tutti i siti più lenti. Questa novità andrà in attivo nel Luglio 2018 e coinvolgerà solo una fetta di query.

Google dà priorità agli utenti

Dal blog ufficiale di Google si legge: «Le persone vogliono essere in grado di avere risposte alle loro domande velocemente». Per questa ragione, il colosso di Montain View ha deciso di mettere ancora una volta al primo posto l’esperienza degli utenti sul proprio motore di ricerca. Tuttavia è aggiunto: «Una pagina lenta ma con contenuti di qualità […] può ancora essere posizionata in alto». Ciò significa che la qualità del sito rimane sempre uno dei fattori più importanti nel ranking di Google, da non trascurare se si vuole migliorare il posizionamento del proprio sito.

LEGGI ANCHE: Il segreto per vendere online? Un sito veloce

Una soluzione c’è

Un consiglio per evitare penalizzazioni è controllare sempre le performance del proprio sito attraverso gli strumenti che lo stesso Google mette già a disposizione dei propri utenti, come Lighthouse e PageSpeed Insights, in modo da arrivare preparati al fatidico Luglio 2018.